Cucina del mondo

Ricette gustose di Kika Frizzantina (Sandra Bubù)

Amo cucinare, fotografare le mie pietanze, commentare le mie esperienze in giro per il mondo.
Da un prodotto povero e genuino trasformo in una pietanza chic.

Troverete le mie ricette, ricette di chef famosi e colleghi e di amiche appassionate per la culinaria

Parlo di sensi in tudo e non solo di gusto...
La risposta é semplice: un piatto non si conosce solo attraverso i sapori ma attraverso il perfetto connubio tra aspetto, odore, gusto e… suono!

https://www.facebook.com/kikafrizzantina


cuoca, chef, masterchef, food, ristoranti, ricette, cucina, carlo cracco, joe bastianich, carne, grigliata, cook,


mercoledì 8 dicembre 2010

WEEK DA SOGNO




Amante del lusso e contemporaneamente dalla semplicità...
Vi consiglio un week.
Marrakech-Marocco

http://www.lesjardinsdelamedina.com/

sabato 4 dicembre 2010

Risotto miele e gorgonzola



Ingredienti

* Brodo vegetale 1 lt
* Burro 40 gr
* Sale
* Timo 1 rametto
* Vino bianco 1/2 bicchieri
* Cipolla 1/2 numero
* Gorgonzola cremoso 100 gr
* Riso carnaroli 400 gr
* Miele di acacia 1 cucchiaio

Preparazione

400 g di riso carnaroli -
1/2 cipolla -
100 g di gorgonzola cremoso -
40 g di burro -
1/2 bicchiere di vino bianco -
1 l di brodo vegetale -
1 cucchiaio di miele di acacia -
1 rametto di timo -
sale




Eliminate la crosta dal gorgonzola e tagliatelo a pezzetti. Tritate finemente il timo e mescolatelo, con un cucchiaio di legno, insieme al miele, fino a che non saranno perfettamente amalgamati.
Tritate finemente la cipolla efatela appassire nel burro a fuoco molto lento. Aggiungete il riso, fatelo tostare e dopo 1 minuto unite anche il vino,alzate la fiamma e lasciate evaporare.
Versate 2 mestoli di brodo bollente leggermente salato e iniziate la cottura che deve durare circa 12 minuti, bagnando man mano con il brodo necessario a mantenere la morbidezza del risotto.
Aggiungete il gorgonzola , mescolate e proseguite la cottura per altri 3 minuti. Se necessario, aggiungete il sale. A
fuoco spento, unite il miele con il timo , mantecate e servite.
Orvieto classico

---------------------

Gnocchi al pesto rosso


Gnocchi al pesto rosso

Ingredienti

* Pepe
* Aglio 1 spicchio
* Parmigiano 30 gr
* Pomodori secchi 100 gr
* Prezzemolo
* Sale
* Gnocchi di patate 800 gr
* Olio extravergine di oliva 8 cucchiaio

Preparazione

800 g di gnocchi di patate
100 g di pomodori secchi
uno spicchio d'aglio
8 cucchiai di olio extravergine d'oliva
30 g di parmigiano reggiano grattugiato
un ciuffetto di prezzemolo
sale, pepe



1 Sbucciate lo spicchio d'aglio. Mettete sul fuoco una pentola con abbondante acqua salata e portatela a ebollizione.
2 Trasferite nel frullatore i pomodori secchi, l'aglio, l'olio e il parmigiano grattugiato. Frullate per 30 secondi, fino a ottenere un trito grossolano; regolate di sale e pepate.
3 Versate gli gnocchi nella pentola e quando vengono a galla scolateli con un mestolo forato. Conditeli con la crema di pomodori diluita con un po' di acqua di cottura. Completate con il prezzemolo tritato e servite.

Risotto alle zucchine e taleggio


Risotto alle zucchine e taleggio


Ingredienti

* Pepe
* Brodo vegetale 2 dl
* Burro 15 gr
* Sale
* Taleggio 100 gr
* Zucchine 2 numero
* Cipolla 1 numero
* Riso precotto 1 bustina

Preparazione

4 porzioni di riso precotto in busta
2 zucchine
1 cipolla piccola
2 dl di brodo vegetale
15 g burro
100 g di taleggio
sale e pepe


Trita la cipolla con la mezzaluna o col mixer. Poi con un coltello affilato, taglia a cubetti le zucchine lavate e ben asciugate. In 2 minuti sono pronte.
Rosola le verdure in un tegame antiaderente, aggiungendo un pezzetto di burro. Unisci il riso e prosegui la cottura, versando il brodo necessario.
Elimina la crosta dal taleggio e taglialo a dadini. Ci metti soltanto 1 minuto. Quando il riso è pronto, spegni il fuoco e aggiungi il formaggio, si sciogliera' subito.

-----------------------

Orecchiette con pomodori e pecorino


Orecchiette con pomodori e pecorino

Ingredienti

* Pepe
* Olio di oliva extravergine
* Pasta di semola 400 gr
* Pomodori maturi 500 gr
* Sale
* Peperone verde piccante 1 numero
* Pecorino stagionato 60 gr
* Cipolla di tropea 2 numero

Preparazione

400 g di orecchiette
500 g di pomodori maturi e sodi
2 cipolle rosse di Tropea
60 g di pecorino stagionato
1 peperoncino verde piccante
olio extravergine d'oliva
sale, pepe



1 Lavate i pomodori e tagliateli a tocchetti. Sbucciate le cipolle e affettatele. Lavate il peperoncino e riducetelo a pezzettini eliminando i semi.
2 Rosolate le cipolle con un filo di olio, bagnatele con poca acqua e cuocetele per 5 minuti. Unite i pomodori e il peperoncino e
saltateli a fuoco vivo per 3 minuti. Regolate di sale.
3 Intanto cuocete le orecchiette in acqua bollente salata, scolatele al dente, versatele nella padella con le verdure,
----------------------

Maccheroni alla chitarra con acciughe e burrata


Maccheroni alla chitarra con acciughe e burrata
Ingredienti

* Peperoncino
* Acciughe o alici sott'olio 25 gr
* Burrata 200 gr
* Pasta di semola 320 gr
* Basilico fresco

Preparazione

320 g di maccheroni alla chitarra
200 g di burrata
un grosso ciuffo di basilico
25 g di acciughe sott'olio
un pizzico di peperoncino piccante in polvere


1) Scolate le acciughe dall'olio di conservazione e tamponatele con carta assorbente da cucina. Lavate le foglie di basilico e asciugatele delicatamente. Tagliate a pezzetti la burrata e mettetela nel mixer con le acciughe e una manciata di foglie di basilico. Frullate il tutto finché otterrete una crema omogenea. Trasferitela in una larga ciotola e insaporitela con un pizzico di peperoncino.
2) Cuocete la pasta al dente, scolatela lasciandola umida, versatela nella ciotola, mescolate per farla insaporire nel condimento e completate con qualche foglia di basilico
----------------------------

Lasagne al piatto con semi di papavero


Lasagne al piatto con semi di papavero

Ingredienti

* Burro 80 gr
* Farina 200 gr
* Olio di oliva extravergine
* Sale
* Uova 2 numero
* Zucchero 2 cucchiaio
* Semi di papavero 2 cucchiaio

Preparazione

200 g di farina
2 uova
80 g di burro
2 cucchiai di zucchero
2 cucchiai di semi di papavero
olio extravergine d'oliva
sale



1) Disponete la farina a fontana sul piano di lavoro, sgusciate al centro le uova, unite un pizzico di sale e lavorate gli ingredienti finché otterrete un impasto omogeneo e liscio. Fate un panetto, copritelo e lasciate riposare per circa15 minuti. Se volete accorciare i tempi, potete utilizzare 250 g di pasta fresca all'uovo già pronta. Calcolatene 12 fogli sottili, che dividerete a metà in senso longitudinale.
2) Riunite i semi di papavero e lo zucchero in un mortaio e pestateli leggermente. Portate su fiamma bassa una pentolina antiaderente con il burro e lasciatelo fondere finché assume un tenue color nocciola.
3) Riprendete la pasta, stendetela con il matterello in una sfoglia molto sottile e tagliatela a rettangoli di circa 20x15cm. Portate a ebollizione abbondante acqua in una capace pentola, salatela e immergetevi i rettangoli di pasta preparati, unendo all'acqua un filo d'olio per evitare che si appiccichino. Cuoceteli per 2 minuti e scolateli con un mestolo forato. Disponeteli a strati nei piatti individuali e conditeli man mano con il burro fuso e i semi di papavero.

Spiedini di maiale al mirto


Spiedini di maiale al mirto
Ingredienti

* Carciofi 4 numero
* Finocchio semi
* Limoni 2 numero
* Olio di oliva extravergine
* Porri 1 numero
* Sale
* Vino bianco
* Pepe in grani
* Maiale spalla 800 gr
* Mirto

Preparazione

800 g di spalla o coscia di maiale disossata
qualche rametto di mirto
un porro
semi di finocchio
4 carciofi
vino bianco secco
2 limoni non trattati
olio
sale
pepe nero in grani

DIVIDETE a tocchetti la polpa di maiale e mettetela in una terrina con il
succo di un limone, una manciatina di foglie di mirto, un cucchiaino di semi di finocchio e uno di grani di pepe
leggermente pestati. Unite anche il porro mondato, lavato e affettato, un po' di sale e un bicchiere di vino.
LASCIATE
la carne nella marinata per un'ora circa, al fresco. Poi scolatela e preparate gli spiedini, alternando pezzetti di
maiale a rondelle di porro.
PREPARATE i carciofi: togliete le foglie esterne più dure, tagliateli a metà, eliminate il
fieno e fateli a fettine sottili. Poi immergeteli nell'acqua acidulata con qualche goccia di limone.
VERSATE in una
ciotola il rimanente succo di limone, uniteci la sua scorza grattugiata, un pizzico di sale e pepe e 4 cucchiai di
olio. Mescolate bene e tenete da parte la salsetta. Cuocete gli spiedini su una griglia o bistecchiera di ghisa per
circa 5 minuti per parte. Serviteli subito, con i carciofi ben scolati e conditi con la salsetta.
--------------------------

Orecchiette al pesto di salvia e noci



Ingredienti

* Pepe
* Aglio 1/2 spicchio
* Cavolo broccolo verde ramoso
* Olio di oliva extravergine
* Parmigiano 20 gr
* Pasta di semola 500 gr
* Pecorino romano 20 gr
* Sale
* Salvia 20 foglia
* Noci malli 40 gr

Preparazione

INGREDIENTI
500 g di orecchiette fresche 300 g di cavolo romanesco o cimone 20 g di parmigiano reggiano 20 g di pecorino romano una ventina di piccole foglie di salvia 40 g di gherigli di noce mezzo spicchio d'aglio olio extravergine d'oliva sale, pepe

1) Pulite il cavolo, dividetelo in piccole cimette e lavatele. In una pentola capiente portate a ebollizione abbondante acqua, salatela, immergetevi le cimette di cavolo e lessatele per 7-8 minuti. Quindi prelevatele con una schiumarola e tenetele da parte. 2) Cuocete la pasta nella stessa acqua di cottura del cavolo secondo i tempi indicati. Intanto frullate nel mixer le foglioline di salvia con i due tipi di formaggio, l'aglio sbucciato e privato dell'anima centrale, i gherigli di noce, un pizzico di sale, una macinata di pepe e un dl circa di olio. Diluite il pesto ottenuto con un me stolino dell'acqua di cottura della pasta.
3) Scolate le orecchiette senza sgocciolarle troppo (devono restare umide), conditele con il pesto preparato e mescolate. Unite quindi le cimette di cavolo e mescolate di nuovo, delicatamente, in modo che non si frantumino. Distribuite la pasta nei piatti e profumatela con un'altra macinata di pepe.
-------------------------------------

Stecchi di salsicche all'uva bianca


Ingredienti

* Olio di oliva extravergine
* Pepe nero
* Salsiccia di suino fresca 800 gr
* Timo 1 rametto
* Vino bianco 1 bicchieri
* Uva bianca 500 gr

Preparazione

800 g di salsiccia a nastro
1 bicchiere di vino bianco secco
500 g di uva bianca
1 rametto di timo
olio extravergine di oliva
pepe nero

1 Prepara l'uva. Lava l'uva sotto un getto di acqua fredda corrente, asciugala e sgranala. Disponi metà degli acini nello schiacciapatate e spremi il succo direttamente in una ciotola. Filtra il succo d'uva attraverso un colino a maglie fitte per eliminare eventuali semini.
2 Lavora la salsiccia. Dividi la salsiccia in 4 pezzi. Bucherella in vari punti ciascun pezzo di salsiccia, aiutandoti con uno stecchino. Evita di usare la forchetta, perché i fori troppo ravvicinati creati dai rebbi potrebbero causare la rottura della pelle. Arrotola i 4 pezzi di salsiccia a spirale e fissali con lunghi spiedini.
3 Cuoci e servi. Scalda 2 cucchiai di olio in una grande padella antiaderente. Disponi le spirali di salsiccia nella padella e rosolale a fuoco vivace 2-3 minuti per parte. Irrora con il vino bianco e lascialo completamente evaporare. Abbassa il fuoco e aggiungi gli acini e il succo d'uva preparati. Prosegui la cottura per circa 5-6 minuti, girando le salsicce almeno una volta e facendo attenzione a non schiacciare gli acini d'uva. Spolverizza salsicce e uva con poco pepe e con le foglioline di timo e servi.
-------------------------------

Filetto in salsa di vino

Ingredienti

* Pepe
* Chiodi di garofano 4 numero
* Alloro ( lauro ) 4 foglia
* Burro 25 gr
* Olio di oliva extravergine
* Patate 2 numero
* Sale
* Salvia 2 foglia
* Scalogno 4 numero
* Vino rosso 4 dl
* Zucchero 1 cucchiaio
* Cipolla 1/2 numero
* Filetto di manzo 4 numero

Preparazione

4 medaglioni di filetto di manzo di 200 g l'uno -
4 scalogni -
4 foglie di alloro -
4 chiodi di garofano -
4 dl di vino rosso -
un cucchiaio di zucchero -
25 g di burro -
2 patate -
2 foglie di salvia -
mezza cipolla -
olio extravergine d'oliva -
sale, pepe



1) Sciogliete il burro in un tegame, rosolatevi gli scalogni a spicchi, salate, unite il vino, l'alloro, i chiodi di garofano, lo zucchero e fate sobbollire finché il liquido sarà sciropposo.
2) Sbucciate le patate, tagliatele a bastoncini e rosolatele in una padella con un filo di olio e la cipolla tritata con la salvia; salete e pepate.
3) Legate i medaglioni di filetto con un giro di spago intorno al bordo, pepateli e cuoceteli sulla piastra un minuto per lato; trasferiteli nel tegame con gli scalogni, cuoceteli un altro minuto per lato e serviteli con le patate.
------------------------------------

Pesce spada mediterraneo


Ingredienti

* Acciughe o alici sotto sale 1 numero
* Olio di oliva extravergine 3 cucchiaio
* Olive nere 100 gr
* Origano secco macinato 1 cucchiaio
* Sale
* Capperi sotto sale 40 gr
* Pomodorini 100 numero
* Pepe bianco in grani
* Pesce spada tranci 4 numero

Preparazione

Ingredienti
4 tranci di pesce spada da 120 g cadauno
100 g di pomodorini ciliegia
100 g di olive nere
1 acciuga sotto sale
40 g di capperi sotto sale
1 cucchiaio di origano
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
pepe bianco in grani
sale

La ricetta in 5 mosse
1) Lavate i pomodorini, privateli del picciolo, apriteli a metà, strizzateli leggermente per eliminare l'acqua di vegetazione e i semi A e tagliateli a pezzetti.
2) Sciacquate i capperi sotto l'acqua per dissalarli e sminuzzateli. Diliscate e sciacquate l'acciuga, poi tritatela.
3) Fatela sciogliere a fuoco lento in una padella con l'olio extravergine schiacciandola con un cucchiaio di legno; unite le fette di pesce spada e rosolatele 3-4 minuti per parte B perché prendano colore.
4) Aggiungete i pomodorini, i capperi e le olive che, a piacere, potrete snocciolare, mescolate e cuocete per 10 minuti.
5) Spolverizzate con l'origano C, salate, profumate con pepe macinato al momento e portate a termine la cottura per altri 2 minuti.

Bollito in salsa rosa


Ingredienti

* Pepe
* Aglio
* Carote 1 numero
* Olio di oliva
* Origano secco macinato 1 cucchiaio
* Pomodori maturi 1 numero
* Prezzemolo 1 cucchiaio
* Sale
* Sedano 1 numero
* Cipolla 1 numero
* Passata di pomodoro 250 gr
* Sottofesa di manzo 700 gr

Preparazione

700 g di sottofesa di manzo
una carota
una costola di sedano
una cipolla piccola
250 g di passato di pomodori
un pomodoro
aglio
un cucchiaio di prezzemolo tritato
un cucchiaio raso di origano in polvere
olio
sale
pepe

1 Versate in una pentola circa 3 litri di acqua, unite la carota e la costola di sedano mondate e lavate, il pomodoro, la cipolla sbucciata e una presa di sale. Portate l'acqua a ebollizione, immergetevi la carne e lasciatela cuocere, piano, per circa un'ora e 40 minuti, schiumando di tanto in tanto il brodo. Non appena la carne sarà pronta, spegnete, toglietela dal brodo, lasciatela raffreddare, quindi affettatela il più sottile possibile.
2 Versate 3 cucchiai di olio in una pirofila, unitevi uno spicchio d'aglio sbucciato e tagliato a fettine, metà del passato di pomodori, metà del prezzemolo e dell'origano. Salate, pepate e coprite con le fette di carne sovrapposte.
3 Versate sulle fette di carne il passato di pomodoro rimasto, cospargete con il restante prezzemolo e origano, salate e pepate ancora un po' e irrorate con 2-3 cucchiai di brodo. Mettete in forno caldo a 200° per 30 minuti circa. Servite caldo.

Involtini affumicati con cuore rosso


Involtini affumicati con cuore rosso

Ingredienti

* Cipollotti 3 numero
* Pomodori ciliegia 16 numero
* Acciughe o alici sott'olio 3 numero
* Erba cipollina fresca
* Olio di oliva extravergine 3 cucchiaio
* Panna da cucina 3 cucchiaio
* Prosciutto cotto 100 gr
* Ricotta di vacca 100 gr
* Sale
* Salmone affumicato 150 gr
* Pepe rosa in grani
* Pesce spada affumicato 150 gr

Preparazione

Ingredienti
150 g di salmone affumicato a fette
150 g di pesce spada affumicato a fette
16 pomodorini ciliegia
100 g di ricotta
3 filetti di acciuga sott'olio
100 g di prosciutto cotto
3 cipollotti
3 cucchiai di panna
1 ciuffo di erba cipollina
3 cucchiai di olio extravergine di oliva
sale
pepe rosa in grani

La ricetta in 5 mosse
1) Versate l'olio extravergine in una ciotola, unite il pepe e lasciatelo in infusione per 1 ora. Tagliate una calottina ai pomodori lavati, svuotateli completamente A, salateli internamente e metteteli capovolti su un piatto per eliminare l'acqua di vegetazione. 2) Scolate e asciugate le acciughe, tritatele assieme a qualche filo di erba cipollina e riunite il tutto con la ricotta mescolando. Passate al mixer il prosciutto e amalgamate con la panna e i cipollotti puliti e tritati B.
3) Asciugate i pomodorini, riempitene metà con il composto di ricotta e i rimanenti con quello di prosciutto C.
4) Stendete le fette di salmone sul tagliere e, aiutandovi con un coltellino affilato, sagomate 8 strisce larghe 4 cm, poi fate lo stesso con le fette di pesce spada. Avvolgete le prime attorno ai pomodori con la ricotta e le seconde ai pomodori al prosciutto D.
5) Legate gli involtini con fili di erba cipollina piuttosto lunghi e spessi E, formate un piccolo nodo, poi disponete nei singoli piatti. Velate con l'olio extravergine aromatizzato e servite come antipasto.

giovedì 2 dicembre 2010

Penne all'arrabbiata


Penne all'arrabbiata

Ingredienti

* Peperoncino 1 numero
* Aglio 1 spicchio
* Olio di oliva extravergine
* Pasta di semola 30 gr
* Sale
* Cipolla 1/2 numero
* Pomodori perini 450 gr
* Basilico fresco 2 rametto

Preparazione

320 g di penne
450 g di pomodori perini
mezza cipolla
uno spicchio d'aglio
un peperoncino piccante
2 rametti di basilico
olio extravergine d'oliva
sale




1) Lavate i pomodori, tuffateli in acqua bollente per qualche istante, pelateli e tagliateli a filetti. Affettate la cipolla, sbucciate l'aglio e riducete il peperoncino ad anelli, eliminando i semi.
2) Fate appassire la cipolla e l'aglio in una larga padella con 2 cucchiai di olio, unite i pomodori, il peperoncino e il basilico. Salate e cuocete per 10 minuti.
3) Lessate le penne in acqua bollente salata, scolatele al dente, trasferitele in padella con il sugo e saltatele a fuoco vivo, mescolando, per un minuto.

sabato 4 settembre 2010

GELATINA DI UVA FRAGOLA



QUESTO UVA FRAGOLA IN ABBONDANZA, UN "piccolo vitgno nel mio terreno", MA TANTA UVA. DOLCE...
OGNI VOLTA CHE PASSAVO VICINO RACCOGLIEVO UN GRAPOLLO, MA ERANNO TROPPE E CON IL PASSARE DEI GIORNI SI STAVANNO APPASSENDO. HO DECISO DI PREPARARE UNA GELATINA.

Lavate l'uva e staccate gli acini dal tralcio; metteteli insieme al vino bianco in una pentola e cuocete a fuoco vivo per una quindicina di minuti fino a quando gli acini non si saranno in parte spappolati.
Passate il composto al setaccio (o passaverdure) ed eliminate bucce e semi.
Pesate il liquido ottenuto e mettetelo in una pentola, aggiungendo lo stesso peso di zucchero; unite la cannella, quindi fate cuocere per altri 15 minuti, poi aggiungete metà busta di fruttapec 1:1 e mescolate per scioglierla e lasciate cuocere per altri 3 minuti.
Passato il tempo necessario, mettete la confettura nei vasetti di vetro puliti e sterilizzati che chiuderete ermeticamente e capovolgerete lasciandoli raffreddare completamente.

Gaia Montebello

mercoledì 25 agosto 2010

Tartare di tonno al mango e sesamo


Ingredienti

* Lime 1 numero
* Limoni 1 numero
* Mango 1 numero
* Olio di oliva extravergine 4 cucchiaio
* Sale
* Scalogno 2 numero
* Tonno 500 gr
* Sesamo 2 cucchiaino
* Pepe in grani
* Mentuccia

Preparazione

500 g di tonno fresco
1 mango grosso
1 lime
1 limone
2 scalogni
2 cucchiaini di semi di sesamo
1 ciuffetto di mentuccia
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
sale
pepe in grani

La ricetta in 5 mosse
1) Lavate bene il lime e grattugiatene la scorza, facendo attenzione a non intaccare la parte bianca più amara. Quindi, spremete il succo del lime insieme a quello del limone.
2) Sbucciate il mango, eliminate il nocciolo e tagliate la polpa a dadini molto piccoli, quindi trasferitela in una ciotola e bagnatela con la metà del succo di agrumi già preparato. Pulite e tritate molto finemente gli scalogni.
3) Pulite il tonno, privandolo della pelle e della lisca centrale, tagliatelo prima a fette, poi a dadini e, infine, tritatelo finemente utilizzando un coltello ben affilato. Ricordate di non usare né il tritacarne né il mixer, che trasformerebbero la polpa di tonno in
una poltiglia.
4) Mescolate la polpa tritata con il succo di agrumi rimanente, aggiungete anche l'olio extravergine, la scorza del lime grattugiata, 1 cucchiaino di semi di sesamo, metà del mango a dadini, gli scalogni tritati, sale e pepe macinato al momento. Coprite con pellicola trasparente e mettete in frigorifero per 30 minuti.
5) Sciacquate la mentuccia e sgrondatela. Togliete il tonno dal frigorifero e disponetelo in un tagliapasta del diametro di 8 cm,
formando 4 timballini alti circa 3 cm E. Spolverizzate con i dadini di mango rimasti, i semi di sesamo rimanenti, decorate con la mentuccia e servite.

Gaia Montebello

Macedonia esotica con mango, papaia e pepe rosa


Queste mese ho la fissa per il mango...tutto a base di mango. Deliziosiiiiii!

Ingredienti

* Papaia 1 numero
* Ananas 1/2 numero
* Mango 1 numero
* Noce di cocco 60 gr
* Pepe rosa in grani 1 cucchiaio

Preparazione

un mango
una papaia
mezzo ananas fresco
un bicchiere di succo di ananas
un cucchiaino di bacche di pepe rosa
60 g di polpa di noce di cocco fresca

1) Tagliate a metà la papaia, eliminate i semi, pelatela e affettatela; sbucciate l'ananas e tagliatelo a fette orizz
ontali.
2) Tagliate il mango a fettine sottili, quindi privatele della buccia.
3) Lavate la polpa di cocco; con l'aiuto di un pelapatate, tagliatela a fettine sottilissime e tenetele da parte immerse
in acqua fredda.
4) Riunite tutta la frutta preparata in una terrina poco profonda, unite il pepe rosa e il succo d'ananas e fate
riposare in frigo per 15 minuti.
5) Suddividete la macedonia in ciotole di vetro, completate ogni porzione con fettine di cocco ben sgocciolate e
servite.

Gaia Montebello

Ghiacciata allo yogurt con frutti di bosco e mango


Amiche con lo yougurt si puo dare un tocco in più...

Ingredienti

* Limoni 1 numero
* Mango 2 numero
* Sale
* Albume 6 numero
* Zucchero 300 gr
* Frutti di bosco 400 gr
* Yogurt greco 600 gr

Preparazione

600 g di yogurt greco intero -
6 albumi -
300 g di zucchero -
400 g di frutti di bosco misti -
un limone -
2 manghi -
sale




1) Riunite i frutti di bosco in una casseruola con la scorza grattugiata e il succo del limone e cuoceteli per 5 minuti. Sbucciate i manghi, eliminate il nocciolo e tagliate la polpa a lamelle sottili.
2) Versate gli albumi in una grossa ciotola, unite un pizzico di sale e montateli a neve con le fruste elettriche. Portate a ebollizione in una casseruola lo zucchero con un dl scarso di acqua. Fate cuocere lo sciroppo finché si formeranno grosse bolle, proseguite la cottura ancora per 2 minuti, poi versate lo sciroppo bollente a filo sugli albumi, continuando a
montare. Proseguite l'operazione per circa 10 minuti, finché la meringa si è raffreddata.
3) Mescolate lo yogurt e amalgamatelo alla meringa fredda, poi versate il composto in una coppa alternandolo con strati di frutti di bosco cotti e mango e fate raffreddare la coppa in freezer per 30 minuti.

Gaia Montebello

Carpaccio di salmone con mango e papaia


Trovo molto light, com il caldo che fà!!

Ingredienti

* Pepe
* Coriandolo
* Papaia 1 numero
* Limoni 2 numero
* Mango 1 numero
* Olio di oliva extravergine 6 cucchiaio
* Sale
* Uova di salmone 50 gr
* Carpaccio di salmone 400 gr

Preparazione

400 g di carpaccio di salmone,
1 piccolo mango,
1 piccola papaia,
50 g di uova di salmone,
2 limoni non trattati,
6 cucchiai di olio extravergine di oliva,
coriandolo,
sale,
pepe.



Sbuccia il mango, privalo del nocciolo e taglialo a fettine, pela e togli i semi alla papaia e tagliala a dadini.
Lava i limoni, leva a uno la scorza e tagliala a listarelle sottili, poi scottale per qualche istante inacqua bollente. Spremi i due limoni e, con il frullatore a immersione, frullali con 6 cucchiai di olio, 2 cucchiai di acqua, sale e pepe.
Suddividi il carpaccio di salmone nei piatti, aggiungi il mango e la papaia, qualche fogliolina di coriandolo, le scorzette di limone e le uova di salmone, condisci il tutto con la salsa al limone e servi subito.

Gaia Montebello... chef per passione

Nodi di pane al sale grosso


Per me è un piacere preparare pane, specialmente quando ho qualche ospite amica... accompagnato da un buona birra rossa ghiacciata!

Ingredienti

* Bicarbonato 4 cucchiaio
* Farina 450 gr
* Lievito di birra 7 gr
* Sale 3 cucchiaino
* Zucchero 1 cucchiaino
* Sale grosso

Preparazione

450 g di farina -
7 g di lievito di birra disidratato -
un cucchiaino di zucchero -
3 cucchiaini di sale fino -
4 cucchiai di bicarbonato -
sale grosso



1 Impastate 100 g di farina con il lievito, un dl di acqua tiepida e lo zucchero. Coprite con un foglio di pellicola per alimenti e lasciate lievitare per 30 minuti. Quindi aggiungete la farina rimasta, il sale fino e 1,8 dl di acqua tiepida, impastate per 5 minuti e lasciate lievitare per un'ora.
2) Sgonfiate la pasta con le mani e dividetela in 8 panetti. Con ognuno formate un cordone di 40 cm di lunghezza e intrecciatene a vite le estremità lasciando 2 code di 4 cm. Ripiegate le code verso linterno, appoggiatele sull'anello e premete con le mani per farle aderire bene.
3) Portate ad ebollizione 3 litri di acqua con il bicarbonato, immergetevi uno o due Bretzel alla volta e cuoceteli per circa 50 secondi. Scolateli e fateli asciugare su un canovaccio. Trasferiteli su una teglia rivestita con carta da forno, cospargeteli con poco sale grosso e cuoceteli in forno caldo a 220° per circa 25 minuti.

Gaia Montebello

sabato 7 agosto 2010

Raccolte giornagliera dei miei pomodori





Che bontà...pochi ma sani! Un pizzico i sale, una foglia di basilico e la merenda è completa.
Oggi 06 agosto 2010...

Gaia Montebello

venerdì 6 agosto 2010

RANE FRITTE


Ogni tanto un bel piatto di rane fritte...mi diverto con tutte le ossicine... e buona. Usare olio buono!

Ingredienti
:

48 cosce di rana – 3 cucchiai di prezzemolo tritato – alcuni spicchi d'aglio schiacciati – il succo di 1 limone – farina – olio per friggere – sale – pepe

Preparazione:

Tenete le cosce di rana in acqua fredda per un paio d'ore. Sgocciolatele, asciugatele e passatele nella farina salata e pepata. Fate fumare l'olio in una padella, poi abbassate la fiamma e mettetevi le cosce di rana. Friggetele finché siano leggermente dorate e tenere, unendo a metà cottura gli spicchi d'aglio.
Scolatele, eliminate l'aglio, sgocciolatele su carta assorbente, salatele e servitele spruzzatele di succo di limone e ricoperte di prezzemolo tritato.

Sono magra e non rinuncio nessuna tentazione





Mangio e bevo di tutto, ma ogni tanto bisogna darci una frenata, nonostante non ingrasso non posso esagerare la quantità di colesterolo.
Ci siamo! Dopo settimane di palestra o jogging e dieta, puoi finalmente metterti in costume e sfoggiare il tuo corpo in spiaggia... Ma le tentazioni sono in agguato! Perché se in vacanza - in teoria - si mangia in modo più equilibrato (grigliate, frutta e verdura fresca), ci si trova anche spesso ad affrontare terribili tentazioni!
Cremosi gelati, aperitivi e bevande fresche da sorseggiare: in estate è difficile non cedere a voglie... "irresistibili"!

Allora, che fare? Privarsi dei piaceri estivi? Non se ne parla nemmeno!

Il segreto sta nel fare le scelte giuste, in modo da mantenere la linea e evitare le frustrazioni. Come?

PRANZO ESTIVO
O uno O l'altro! Contrariamente a quanto si pensi, un'insalata non è più light di un panino. Dipende dagli ingredienti. Infatti, un'insalata completa, che contenga formaggio, patate e molto condimento, può essere più calorica di un panino prosciutto/formaggio fresco/pomodoro. Ricco di glucidi lenti, il panino sazia di più, permettendoti di eliminare la fame che ti fa spiluccare a metà pomeriggio.

L'astuzia dietetica
Opta per un panino a base di verdure crude, proteine magre (prosciutto, tonno, salmone, pollo...), che non contenga (o quasi) né salse, né burro, né maionese.

Se scegli l'insalata, opta per un piatto completo (che contenga verdure crude e proteine, e che sia accompagnata da un panino piccolo), da condire a piacimento.

Toast o hot dog?


- Pranzo light
L'hot dog! Nonostante la sua cattiva reputazione, questo tipo di panino non contiene molti grassi e ha un valore energetico di 300 kcal/100 gr. Al contrario il toast, spesso a base di formaggio, è ricco di grassi, e quindi più calorico: 575 kcal/100 gr in media. In entrambi i casi, il tuo pasto ti sazierà, grazie al pane.

L'astuzia dietetica
Sia il toast che l'hot dog sono privi (o quasi) di verdure... Perché non associarli a una porzione di verdure crude (carote alla julienne, pomodorini ciliegino, radicchio, cetrioli...) o di frutta fresca?
Se opti per l'hot dog, rispetta la ricetta classica: o mostarda o ketchup!
Le altre salse sono vietate, perché fanno aumentare considerevolmente le calorie!

Kebab o sandwich?


- Calorie kebab
Il sandwich! Anche se nessuno dei due è consigliato per la linea, questo tipo di panino permette di essere farcito in modo equilibrato: verdure crude (peperoni, pomodori...), proteine (tonno, prosciutto, uova...), zuccheri lenti (pane) e acidi grassi di buona qualità (olio d'oliva).
Il kebab è una catastrofe per la linea: 965 kcal! (E l'apporto giornaliero di kcal consigliato per le donne è di 2000 kcal/giorno...)

L'astuzia dietetica
Se proprio non riesci a rinunciare al kebab, segui almeno qualche raccomandazione: evita le patatine fritte (basta il pane!), fai il pieno di verdure crude e limita la quantità di salsine... opta piuttosto per il ketchup o la maionese.

Gaia Montebello

mercoledì 4 agosto 2010

Bicchierini con gli agrumi


Bicchierini con gli agrumi


Ingredienti

* Arance 1 numero
* Mandarini 1 numero
* Menta fresca 1 mazzetto
* Pompelmo 1 numero
* Pompelmo rosa 1 numero
* Zucchero 1 cucchiaio
* Liquore all' arancia 2 cucchiaio
* Pirottini di cioccolato 12 numero

Preparazione

un pompelmo rosa
un pompelmo giallo
un'arancia
un mandarino
un mazzetto di menta
12 bicchierini di cioccolato
2 cucchiai di liquore all'arancia
un cucchiaio di zucchero

1) Pelate al vivo tutti gli agrumi e tagliate gli spicchietti ottenuti a pezzetti.
2) Riuniteli in una terrina con lo zucchero, il liquore e 5 foglie di menta spezzettate e fate riposare il tutto per
10 minuti.
3) Suddividete la frutta nei bicchierini di cioccolato, unite il succo di macerazione, decorate con foglioline di
menta e servite ben freddo.

venerdì 16 luglio 2010

Pomodori



Non riesco a capire come mai i miei pomodori più grossi nascono con una forma strana...Non uso prodotti...ma nessuno!! Tutto naturale... ho altre piante che dopo un po' diventano gemelle.

Gaia Montebello

giovedì 8 luglio 2010

Gelato di melone e anguria allo zenzero


Molto fresco e buonooo!!
Ingredienti

* Arance scorza 1 numero
* Melone 125 gr
* Zucchero 175 gr
* Zenzero candito 2 numero
* Anguria 125 gr
* Erba cedrina 2 rametto
* Anice stellato
* Panna fresca 250 gr

Preparazione

125 g di polpa di anguria privata dei semi,
125 g di polpa di melone,
250 g di panna fresca,
175 g di zucchero,
2 rametti di erba limoncina,
2 petali di zenzero candito,
1scorzetta di arancia,
1 pizzico di anice stellato macinato.

Prepara il gelato di anguria: frulla la polpa, aggiungi la scorzetta di arancia grattugiata fine, 2 foglie di erba limoncina, 125 g di zucchero e mescola finché si sarà sciolto. Incorpora la metà della panna ben fredda e trasferisci in gelatiera.
Frulla la polpa del melone, aggiungi lo zucchero rimasto e mescola fino al completo scioglimento, incorpora lo zenzero tritato finissimo, l'anice, la panna fredda e passa il composto in gelatiera. Servi assieme i due gelati e guarniscili con l'erba limoncina rimasta.

Gaia Montebello

Stuzzichini per l'aperitivo



Ingredienti

* Fontina
* Limone scorza
* Melone polpa 1 numero
* Mortadella di suino
* Prosciutto crudo
* Ravanelli 1 mazzetto
* Salmone affumicato
* Erbe aromatiche

Preparazione

Bocconcini in rosa:
Potete farli con fettine di salmone affumicato o con prosciutto crudo dolce (il più chiaro). Tagliate a grossi cubetti
la polpa di un melone e avvolgeteli a uno a uno con le fettine dell'ingrediente che preferite; sistemateli su un piatto
foderato con foglie verdi di insalata e guarniteli con scorze di agrumi ed erbe aromatiche tritate.
Ravanelli in fiore:
Pulite un mazzetto di ravanelli tondi, privateli delle foglie; incidete la punta di ognuno con due tagli a croce e teneteli
per mezz'ora almeno in acqua ghiacciata, in modo che si aprano a fiore. Scolateli, asciugateli e accompagnateli con una
coppetta di vinaigrette alle erbe.
Spiedini ai due sapori:
Infilzate cubetti di fontina e di mortadella ai pistacchi su stecchi di legno di media lunghezza, alternandoli.

Gaia Montebello

Cestino di cocco alla vaniglia



Ingredienti

* Vaniglia
* Datteri freschi
* Kiwi 2 numero
* Mango 1/2 numero
* Melone 2 fette
* Noce di cocco 1 numero
* Rhum
* Limone succo fresco

Preparazione

Aprite a metà una noce di cocco e lasciate scolare il "latte". Ricavate con un pelapatate alcuni sottili nastri di cocco.
Tagliate a fettine 2 kiwi e a dadi la polpa di mezzo mango, raccoglieteli in una terrina, aggiungete qualche pezzetto di
dattero, insaporite con rum e poco succo di limone e profumate con un pizzico di semi di vaniglia; mescolate e lasciate
riposare in frigo per un quarto d'ora. Riempite i gusci di cocco con la macedonia, completate con 2 fettine di melone
bianco e guarnite con i nastri e un pizzico di cocco grattugiato.

Gaia Montebello

domenica 4 luglio 2010

Zuppetta di melone



Ingredienti

* Pepe
* Melone 2 numero
* Olio di oliva extravergine
* Porto 2 cucchiaio
* Salame ungherese 80 gr
* Pistacchi sgusciati 50 gr

Preparazione

2 piccoli meloni
80 g di salame di tipo ungherese a fette
50 g di pistacchi sgusciati
2 cucchiai di Porto
olio extravergine di oliva
pepe


1 Pulisci i meloni. Dividi a metà i meloni. Priva con un cucchiaio l'interno di ciascuna metà dei semi e dei filamenti. Taglia 3 metà a fette seguendo il disegno della scorza. Elimina la scorza e dividi la polpa a pezzetti. Frulla la polpa con il Porto al mixer o con il frullatore. Con uno scavino ottieni tante palline dal 1/2 melone rimasto. Metti il frullato e le palline di melone in frigorifero.
2 Prepara gli altri ingredienti. Scotta i pistacchi per qualche istante in un pentolino di acqua bollente, scolali e strofinali con decisione con un telo e asciugali con carta da cucina. Disponi i pistacchi all'interno di un foglio di carta da cucina, ripiegalo e agisci con il batticarne per spezzettarli grossolanamente. Taglia a pezzetti le fette di salame.
3 Completa e servi. Distribuisci il frullato in 4 ciotole individuali, suddividi le palline di melone, i pezzetti di salame ungherese e i pistacchi sul frullato. Condisci la zuppetta fredda con un filo d'olio, spolverizza con pepe e servi.
--------------------------------

giovedì 1 luglio 2010

Tagliatelle in salsa ai gamberi di fiume



http://it.gourmetpedia.com/piatti/detail/view/130/

Cocktail di gamberetti


Ingredienti: 350 g gamberetti, 1 tubetto maionese, salsa rubra, salsa worcester, 1 bicchierino brandy (o cognac), sale, limone, foglie di insalata, 50 cl panna fresca, 1 cucchiaino curry

PREPARAZIONE
Lavate e sgusciate i gamberetti, incidetene il dorso con un coltellino affilato ed eliminate il filo nero. Lessateli per 2-3 minuti in abbondante acqua leggermente salata, scolateli e lasciateli intiepidire. Conditeli quindi con un’emulsione preparata con il succo filtrato di un lime, l’olio extravergine e una presa di sale e di pepe. Lasciate insaporire la preparazione in frigorifero per 1 ora circa.
Tagliate l’avocado a metà ed eliminate il nocciolo; sbucciatelo e ponete la polpa nel mixer o nel frullatore aggiungendo il succo di un lime, il cipollotto mondato e tagliato a pezzetti, un pizzico di sale e di pepe. Frullate fino a ottenere una salsa omogenea.
Lavate e asciugate con cura le foglie più belle della lattuga e ponetele sul fondo di quattro coppette individuali, quindi distribuite la salsa sull’insalata e adagiatevi sopra i gamberetti. Decorate le coppette con il rimanente lime tagliato a fettine, profumate con pepe nero macinato al momento e servite in tavola.

Per prima cosa occupiamoci della preparazione dei gamberetti: lavateli e sgusciateli (1). Lasciate qualche gamberetto con la coda attaccata, vi serviranno per decorare. Lessate i gamberetti in abbondante acqua salata, lasciandoli bollire per 2-3 minuti (2), poi scolateli (3) e fateli raffreddare .
Lavate ed asciugate 8 belle foglie di lattuga integre (4), quelle esterne, più grandi, che, due a due, vi serviranno da letto per il cocktail di gamberetti. Tagliate finemente le restanti foglie di lattuga (5), centrali e più croccanti, e posizionatele, suddividendole al centro delle 4 coppe, sul letto di foglie, fino a riempirle per 3/4 (6-7).

Quando i gamberetti saranno freddi e asciutti, versateli nella salsa cocktail (8)( se volete preparare la salsa cocktail, seguendo la nostra ricetta, cliccate qui) ed amalgamate per bene .Suddividete i gamberetti nelle 4 coppe, sopra l'insalata (9), spolverizzate a piacere con del prezzemolo o erba cipollina e decorate con i gamberetti provvisti di coda che avevate tenuto da parte.

GAIA MONTEBELLO

sabato 26 giugno 2010

Con tuorli d'uova si fa di tutto e non è una novità


Con il tuorlo d'uova si puo fare di tutto!
Non non esiste solo i tuorli d'uova marinato da Carlo Cracco!! Mia nonna preparava anni fà i famosi tuorli d'uova sotto sale e zucchero(In Italia da carlo Cracco Tuorlo d'uova marinato). Neanche Colombo ha scoperto l'America da solo!!

Purtroppo sono rimasti pochi grandi chef/maestri gastronomici, oggi come oggi sono ben pochi.
Sono quasi tutti finti!! La mediatica ti porta a a 3 forchette, per ogni kazzatina servita a tavola è novità per alcuni ristoranti. Povero Gualtiero Marchesi, gran maestro, per non sparire nel nulla a causa dei finti Chef è dovuto aggiungere un pezzo di foglio d'oro nel risotto. Ma si puo??

Ho frequentato alcuni scuole(corsi) per chiarirmi le idee in testa per poi creare un modo mio di ristorare nel contesto della cucina internazionale, mantendo il gusto che avevo in me grazie alla grande cuoca che era mia nonna "Rosa"".

Sono felice di avere le idee chiare in cucina. Forse la mia è una esigenza di fare da mangiare come a me piace mangiare!!



Gaia Montebello

Fili di tourli d'uova

La torta decorata con alcuni fili
I fili pronti
Il contenitore di preparazione

Questa ricetta esiste da anni in Brasile, usata per copertura torte, dolcetti e decorazione. Unico problema che in Italia non si trova il contenitore fatto appositamente per preparare i fili. Ma usando la fantasia potete usare qualcosa di simile. Vedi foto sopra

Ingredienti:

* 2 ovos inteiros(2 uove albumi compresi)
* 1 colher (chá) de essência de baunilha ( 1 cucchiaio aroma vaniglia)
* 1⅓ xícara (chá) de água( mezza tazza di acqua)
* 3 xícaras (chá) de açúcar( 3 tazze di zucchero)
* 22 gemas(22 uove- solo tuorli)
In un recipiente versare le uove e 22 tuorli. Passare nel mixer leggermente e poi settacciare per eliminare il gusto forte delle uove.
Versare il composto del recipiente addato o simile, per formare i fili. Versate piano, piano in movimenti circolare sciroppo di zucchero, il fuoco devi essere acceso ma non tanto alto. Cuocere i fili per 1 minuto circa e non di più, togliere della pandella i fili con una forchetta, preferenza di manico lungo. Trasferire tutto in una settaccio grande e spruzzare l'acqua fredda, ma non troppo bagno. Solo cosi prenderà una consistenza.
Scusatemi per il mio italiano, oggi non sono molto in gamba...
Provate!
Gaia Montebello

nb: Con il tuorlo d'uova si puo fare di tutto!
Non non esiste solo i tuorli d'uova marinato da Cralo Cracco!! Mia nonna preparava anni fà i famosi tuorli d'uova sotto sale e zucchero(In Italia da Cracco Tuorlo d'uova marinato). Neanche Colombo ha scoperto l'America da solo!!

Affumicare cibo a casa


La tecnica di affumicare gli alimenti è tanto antica quanto ancora utilizzata. L'utilizzo del fumo infatti prolunga la conservazione del cibo, senza per questo modificarne le proprietà organolettiche, inltre dona un sapore inconfondibile.

La Tecnica
I cibi da affumicare vengono sottoposti al fumo, prodotto grazie alla combustione di sostanze vegetali precedentemente inumidite, quali: trucioli di legno tenero e dall'aroma tenue come il faggio, la betulla o il castagno, fieno, paglia, piante aromatiche come la ginestra o l'erica, l'alloro, salvia, timo e rosmarino, foglie secche di castagno e bacche di ginepro.
Gli alimenti possono essere soltanto aromatizzati o anche cotti, dipende dal tempo di permanenza a contatto con il fumo.
Si devono assolutamente evitare legni resinosi (tipo l'abete) in quanto danno un sapore amaro, inoltre il fumo non deve mai essere nero, significherebbe che il combustibile ha iniziato a bruciare.

L'attrezzatura per farlo in casa
Premetto che per "in Casa" si intende comunque all'aperto, con l'aiuto di un fuoco o di un fornello da campeggio. L'uso di fiamme, braci o altro all'interno di un appartamento, è sempre sconsigliato in quanto molto pericoloso sia per le esalazioni che per il pericolo di incendio!!
Prese le dovute precauzioni vi servirà:
- Una pentola in ghisa o in terracotta con un coperchio a buona tenuta.
- Una griglia rotonda con piedini piuttosto alti da inserire all'interno della pentola in modo che arrivi a circa metà altezza.
- Carta da forno o di alluminio

Affumicare il Pesce

I pesci da preferire per l'affumicatura sono prevalentemente quelli grassi quali: trote salmonate, salmone, sgombro o anguille.
Disponete sul fondo della pentola la miscela di combustibile e ponetela sulla fiamma con il coperchio chiuso.
Nel frattempo ponete sulla griglia un foglio di alluminio o carta da forno bucherellati. Quando inizierà ad uscire il fumo (di colore chiaro) mettete la griglia nella pentola ed appoggiate il pesce già pulito e ben asciugato, sulla carta. Chiudete il coperchio e abbassate la fiamma.
Il tempo di cottura varia in base al peso, dovrete considerare circa 30 minuti per ogni Kg di pesce.
Quando riterrete la cottura ultimata, togliete il pesce dalla pentola, molto delicatamente, poggiatelo su una fondina, ungetelo con olio di oliva e lasciatelo riposare scoperto per una giornata, prima di servirlo.
Si conserva fino ad una settimana, ma il consiglio è quello di mangiarlo quanto prima possibile.

Affumicare la Carne
Anche in questo caso, le carni da preferire sono quelle abbastanza grasse come il maiale, spalla di agnello, oca e anatra, petto e cosce di pollo, fesa di tacchino.
Il prcedimento è identico a quello descritto per il pesce, ma è importante aggiungere al combustibile piante aromatiche come il rosmarino, l'alloro o le bacche di ginepro.
Per la cottura si devono considerare circa 45 minuti per ogni kg di carne.
Anche per la carne, una volta tolta dal fuoco si dovrà usare olio d'oliva per ungerla, quindi si deve avvolgere con carta da forno e lasciare riposare in frigorifero per 24 ore prima di consumarla.
Si conserva fino a 15 giorni.

Affumicare i Formaggi
I formaggi che più si prestano a questa tecnica sono quelli a pasta semidura o filata, come ad esempio scamorza, ricotta stagionata, caciocavallo, tomini, etc...
Stesso procedimento per l'affumicatura, i tempi di cottura invece sono di circa 30 minuti per ogni 500 Gr di peso.
Una volta tolti dalla pentola i formaggi si conservano in frigorifero, avvolti in pellicola trasparente, per circa una settimana.

Questa mattina ho affumicvato 172 kg. di riso, è ottimo per insalata fredda e risotto.

Gaia Montebello