Il Girone dei Golosi-Ricette e ospitalità

FOOD BLOG-COMFORTFOOD DI KIKA FRIZZANTINA

Ola! Mi chiamo Kika Frizzantina...

Amo cucinare, fotografare le mie pietanze, commentare le mie esperienze in giro per il mondo.
Da un prodotto povero e genuino trasformo in una pietanza chic.

Troverete le mie ricette, ricette di chef famosi e colleghi e di amiche appassionate per la culinaria

"La cucina è
l'atto più privato e rischioso. Nella cucina cè la tenerezza o il odio.
Si versa
nella padella condimento o veleno.
Cucinare
non è il servizio.
Cucinare
è un modo di amare gli altri. "


https://www.facebook.com/kikafrizzantina


cuoca, chef, masterchef, food, ristoranti, ricette, cucina, carlo cracco, joe bastianich, carne, grigliata, cook,


giovedì 23 febbraio 2017

Bagnacauda

Preparando a bagnacauda
La bagna càuda , salsa calda in italiano) è una tipica specialità gastronomica della cucina piemontese, originaria in particolare dell'Astesana, delle Langhe, del Roero, del Monferrato, delle aree meridionali della città metropolitana di Torino e delle province di Cuneo, Alessandria e Asti.

  • 1 testa d’aglio a persona
  • 10 acciughe sotto sale
  • ½ litro d’olio oliva
  • Una noce di burro
  • ½ litro di latte
  • Verdure da intingere: peperoni cotti e crudi, cardi, topinambur a fette, foglie di cavolo, rape, barbabietole e cipolle al forno, patate lesse, insalata belga

Preparazione della bagna cauda piemontese

Ridurre l’aglio a spicchi e pelarlo. Metterlo in una casseruola, coprirlo di latte e farlo bollire lentamente fino a che non penetri bene la forchetta nell’aglio.
Buttare il latte e porre l’aglio su un tagliere e ridurlo finemente a pezzetti. Apriamo una parentesi: alcuni aggiungono il latte di cottura o anche della panna all’intingolo finale, per stemperare il sapore forte dell’aglio.

Erbe essiccate



Carbonara burger

Il carbonara burger è un golosissimo e sostanzioso panino farcito con ingredienti quali uova, pancetta, carne trita, formaggio che in parte ricordano quelli della famosa pasta alla carbonara.

Il gusto è deciso e particolare e può essere consumato come piatto unico accompagnato da verdure di stagione crude o cotte. Avendo un cuore morbido composto dall’uovo che rimane semi cotto questo panino non è indicato per pasti fuori casa. I bambini ma anche gli adulti ne andranno matti e può essere servito anche per eventi tra amici.

Vediamo, quindi, come preparare questo panino.
Ingredienti
Panini per hamburger
2 panini da big burger     2 uova
    250 g di carne di manzo
    q.b. di sale
    q.b. di pepe
    q.b di ketchup
    100 g di scamorza affumicata
    50 g di pancetta affumicata



Big Burger con guacamole

Il Big Burger con guacamole è una variante del classico hamburger da fast-food, arricchito in questo caso dalla presenza del guacamole, che rende tutto più cremoso e dal sapore ancora più particolare.

Una preparazione abbastanza semplice, perfetta per chi ama il fast-food ma vuole realizzarlo in casa con ingredienti più genuini. Un piatto perfetto per una cena tra amici o per un pranzo da consumare fuori casa.

Vediamo, quindi, come preparare un ottimo Big Burger con guacamole ed alcuni consigli utili per un risultato perfetto.
Ingredienti
Panini per hamburger
4 panini da big burger Morato Pane

    q.b di maionese
    4 foglie di lattuga
    1 cipolla rossa
    2 pomodori
    8 fette di bacon
    500 g di carne di vitello
    250 g di guacamole
    q.b di sale
    q.b di pepe
    4 fette di cheddar

venerdì 17 febbraio 2017

Arancini di riso venere


Un piatto completo, ben bilanciato in carboidrati , proteine (uova), grassi saturi (tuorlo d’uovo) e insaturi (olio extravergine d’oliva, panna vegetale), e facilmente digeribile.
Ingredienti
(per 10 arancini)
300 g di riso Venere
200 g di asparagi verdi
2 scalogni
3 uova intere
1 l di brodo vegetale
1 cucchiaio di farina di riso
1 bicchiere di pangrattato
olio extravergine d’oliva
sale marino integrale e pepe
Per la salsa allo zafferano
200 ml di condimento da cucina vegetale Despar Vital
2 cucchiai di latte di riso
1 bustina di zafferano
sale e pepe
Procedimento
1. Mondare gli asparagi eliminando con un pelapatate lo strato esterno e scartando
la parte finale più legnosa 2. Tagliarli a rondelline e saltarli in padella con un cucchiaio d’olio, uno scalogno tritato e mezzo bicchiere d’acqua . Aggiungere un pizzico di sale marino integrale e una macinata di pepe, proseguire la cottura per 5 minuti.
3. Tritare anche l’altro scalogno, soffriggerlo in una pentola a bordi alti, aggiungere il riso Venere e coprire con il brodo vegetale . Cuocete il riso a fuoco lento per circa 35/40 minuti seguendo le indicazioni riportate sulla confezione e aggiungendo brodo ogni qualvolta si assorba (il tempo di cottura varia a seconda della qualità e dello spessore del riso scelto).
4. A cottura quasi ultimata aggiungere un cucchiaio di farina di riso, possibilmente integrale. Mescolare bene e portare a termine la cottura .
5. Lasciare raffreddare il riso ben disteso su una teglia .
6. Una volta freddo, iniziare a comporre gli arancini mettendo al centro di ogni polpetta mezzo cucchiaio di asparagi saltati con lo scalogno . Richiudere quindi cercando di formare una palla compatta.
7. Passare gli arancini prima nelle uova sbattute e poi nel pangrattato per un paio di volte.
8. Ricoprire una teglia con carta da forno, disporvi gli arancini e cuocere a 200°C per 20 minuti 9. Preparare la salsa allo zafferano per accompagnare gli arancini: scaldare il condimento da cucina vegetale con il latte di riso, aggiungere lo zafferano, mescolare bene. Lasciare cuocere a fuoco basso qualche minuto aggiungendo pepe a piacere

Frittura di calamari

Fritto di calamari
Ingredienti

    500 grammi calamari ad anelli
    200 grammi farina 00
    200 grammi acqua gassata ghiacciata
    200 grammi birra chiara ghiacciata
    2 uova
    sale e pepe
    olio di semi per friggere

Preparazione

    Sciacquate gli anelli di calamaro sotto acqua fredda corrente, tamponateli e asciugateli bene con un panno da cucina.

    Preparate la pastella: mettete le uova in una terrina e poggiatela dentro a una ciotola più grande contenente ghiaccio. Sbattetele e aggiungete la birra e l’acqua, sbattete ancora e aggiungete anche la farina setacciata con un colino a maglie fini in modo da limitare la formazione di grumi.
    Scaldate bene abbondante olio di semi in una padella a bordi alti (preferibilmente un wok) e tuffatevi delicatamente con una pinza gli anelli di calamaro immersi via via nella pastella. Fateli friggere fino a doratura per circa 5 minuti, quindi scolateli su carta assorbente, salate, pepate e servite!

Spaghetti al sugo di calamari

400 gSpaghetti
    300 gCalamari
    1Scalogno
    1Peperoncino
    q.b.Olio extravergine d'oliva
    q.b.Sale
    q.b.Pepe
    400 gPomodori maturi
 Dopo aver privato i pomodori della pelle e dei semi sbollentandoli in acqua bollente per 10 secondi, tagliate la polpa a pezzetti.
Step 2

Pulite i calamari, lavateli e tagliateli a rondelle.

Step 3

Pelate lo scalogno, tritatelo, soffriggetelo in una padella con l'olio, unite la polpa dei pomodori, aggiungete il peperoncino tritato e il sale, coprite e cuocete per 15 minuti, quindi unite i calamari e un pizzico di pepe e continuate la cottura per 5 minuti.
Step 4

Cuocete gli spaghetti in acqua salata, scolateli al dente e conditeli con il sugo di calamari.

venerdì 10 febbraio 2017

Marmellata di Kumquat

Una ricetta gustosa. Marmellata di Kunquat(mandarini cinesi). Ho la fortuna che il mio vicino di casa ha un albero pieno, pieno... E sono tre anni che raccolgo(non ho rubati..vi giuro.ahh) . Da mangiare anche con la carne lessa o il bollito completo.

I kumquat sono i mandarini cinesi, più propriamente definiti come fortunella. Sono ricchi di potassio, vitamina C e acido folico. In cucina vengono utilizzati per preparare la marmellata o per essere messi sotto spirito
Ingredienti:

150 grammi di kumquat (mandarini cinesi),
2 arance spremute,
50 grammi di zucchero,
2 fogli di gelatina.

Preparazione:

metto a bagno la gelatina, in un po’ d’acqua, per 10 minuti.

Affetto i mandarini cinesi.

Spremo le arance.

Verso nel pentolino: i kumquat, il succo delle arance, aggiungo lo zucchero, e faccio bollire, poi passo al setaccio tutto.

Rimetto il succo sul fuoco, lo mantengo caldo, senza farlo bollire, aggiungo la gelatina ben strizzata, mescolo e la faccio fondere.

giovedì 9 febbraio 2017

Tutto orientali


piedini di maiale


Wonton fritti

Ingredienti

Preparare la pasta Wonton piacerà sicuramente agli amanti della Cucina Orientale. La ricetta consente infatti di preparare la pasta Wonton, la base degli involtini primavera. La pasta Wonton è semplice da preparare gli ingredienti sono semplici, come la farina,le uova, l’amido di mais e l’acqua. E’ necessario però utilizzare una macchina Tirasfloglie che permette di avere sfoglie di pasta spesse 1mm.
Ingredienti(per 25 sfoglie) : 350 gr Farina 00; 1 uovo; 1 pizzico di amido di mais; 100 ml acqua

Preparazione

Per preparare la pasta Wonton mettete in una ciotola la farina disponendola a fontana. Aggiungete al centro l’uovo e l’amido di mais. Mescolate il tutto aiutandovi aggiungendo un po’ d’acqua al bisogno.
Lavorate bene l’impasto della pasta Wonton fino a quando la sua consistenza non diventa soda. Copritela con un canovaccio umido e lasciate riposare la pasta Wonton per 20 minuti.
Trascorso questo tempo dividete la pasta in due e spianatela.Passate la pasta al Tirasfoglie formando delle sfoglie dello spessore di 1 mm.
Poggiate la pasta Wonton su una base infarinata e procedete a tagliare nella forma desiderata e a farcire la vostra pasta Wonton.

lunedì 23 gennaio 2017

Avocadi per tutti - Amsterdam

Cè chi va Amsterdam per la Maria e cè chi va per degustare qualcosa di insolito e gustoso.
Arriva ad Amsterdam il bar dove l'avocado è il re (e unico ingrediente) del menù
Siete anche voi tra i fan sfegatati dell'avocado, sempre alla ricerca di nuove e sfiziose ricette realizzate con questo frutto esotico? Allora 'The Avocado Show' si candida ad essere la vostra nuova Mecca.






sabato 21 gennaio 2017

Gamberi al vapore in Moka

Prima di cimentarvi nella divertente preparazione, abbiate cura di realizzare (o procurarvi) una buona bisque di gamberi, ovvero un brodo di crostacei fatto a regola d’arte. Per realizzarlo potete utilizzare gli scarti dei crostacei, mi raccomando: deve essere concentrato e avere un sapore intenso. Ci vogliono 10 minuti per prepararlo ma un’ora per la cottura, quindi, organizzatevi se volete farlo voi!

Ed ora, moka alla mano, leggete la ricetta e fatemi sapere che effetto hanno fatto sui vostri ospiti e se vi sono piaciuti i miei Gamberi alla Moka. Buon appetito!



    12/14 gamberi  (3°misura)
    12cl bisque di gamberi
    scorza di limone grattugiato
    scorza di arancia grattugiato
    1 rametto rosmarino
    q.b. crostini di panebianco


Mettete nella caldaia di una moka per tre tazze la bisque e inserite il filtro dove metterete la scorza di limone e la scorza di arancia.
Chiudete la moka e nel brick disponete i gamberi a corona con la testa rivolta verso l'alto e lo stelo di rosmarino fresco.
Mettete la moka sul fuoco, una volta fuoriuscito il liquido come per un normale caffè servitela in tavola, accompagnata da crostini di pane bianco fritti o grigliati.




venerdì 13 gennaio 2017

Polenta Carbonera

Il nome della polenta “carbonera” si diceva sempre dalle mie parti è un omaggio ai vecchi carbonai. Che questi “carbonai” fossero quelli delle barricate (i primi partigiani della storia) o gli uomini che facevano la spola da Bondone (sul lago d’Idro) ai paesi slavi (Yugoslavia e dintorni) per fare il carbone, questo ancora non è del tutto assodato. Comunque essendo una bontà unica, ma attenzione anche una bella bomba calorica!, ve la voglio proprio presentare.

Ingredienti:

    2/3 salamine nostrane (o carne di maiale e pancetta)
    formaggi vari (almeno di 3/4 tipi diversi: tra i quali anche il famoso Formai Bagoss, del formaggio grana e Spressa locale o del gorgonzola) fatti a scaglie, grattugiati  o tagliati a pezzi a seconda della consistenza
    burro di malga
    cipolla
    vino rosso
    farina gialla di Storo (di grano marano)
    farina di grano saraceno
    acqua e sale
Si cuoce la polenta in modo tradizionale e a parte si soffrigge la cipolla tagliata a julienne o sfogliata, si aggiungono le salamelle sgranate o la carne tritata e la pancetta a dadini, e si bagna alla fine con del vino rosso e si fa sfumare.

A 3/4 di cottura (della polenta) si aggiunge il soffritto alla polenta, si trisa per qualche minuto e per ultimo si aggiungono i formaggi già preparati in anticipo. Si trisa ancora un po’ finché il formaggio non si scioglie e comincia a filare e infine si versa sul tagliere o si serve con il mestolo.

Per decorare avete tenuto da parte un po’ della cipolla a julienne e della Salamina soffritta e lo versate sulla cupola di polenta. Aggiungete nel piatto qualche pezzo di formaggio e una mezza Salamina cotta alla griglia.

C’è parecchia confusione fra queste due ricette, “teragna” e “carbonera“, e cercheremo di fare un po’ d’ordine.
Definiamo una volta per tutte che la carbonera è quella fatta dai carbonai con tutti gli avanzi e mischiando farina gialla con farina di grano saraceno, rendendola quindi più scura, come il carbone che producevano appunto.
Mentre la polenta teragna è quella di patate che viene preparata usando la “trisa” o “tarell”, cioè il mestolo lungo di legno che viene girato nel paiolo di rame tipico, mischiando i vari ingredienti ma utilizzando solo farina gialla (con patate o se preferite anche senza).

sabato 7 gennaio 2017

Coda alla vaccinara

La mia versione, però, è più leggera: nella vera ricetta ci sono chiodi di garofano, lardo e guanciale, ma io li trovo indigesti, così ho adattato la riceta ai miei gusti.
Gli Ingredienti

    1 coda di bueo vitellina
    1 cipolla
    2 carota
    2coste sedano
    sale
    olio d'oliva
    2cucchiai aceto
    1lt passata di pomodoro

Le Istruzioni

    Lavare e tagliare a tocchi la coda di bue.
    Tritare il sedano, la carota e la cipolla finemente.
    Metterla in una pentola capiente, cospargere con olio ed trito di odori. Fare rosolare bene.
    Sfumare con l'aceto e lasciare e vaporare bene.
    Unire la salsa di pomodoro, aggiustare di sale, e lasciare cuocere lentamente per 2 ore. Se il sugo si restringe troppo, unire poca acqua per volta. Portare a completa cottura.
    Servire calda.

Gamberi alla Moka

Prima di cimentarvi nella divertente preparazione, abbiate cura di realizzare (o procurarvi) una buona bisque di gamberi, ovvero un brodo di crostacei fatto a regola d’arte. Per realizzarlo potete utilizzare gli scarti dei crostacei, mi raccomando: deve essere concentrato e avere un sapore intenso. Ci vogliono 10 minuti per prepararlo ma un’ora per la cottura, quindi, organizzatevi se volete farlo voi!

Ed ora, moka alla mano, leggete la ricetta e fatemi sapere che effetto hanno fatto sui vostri ospiti e se vi sono piaciuti i miei Gamberi alla Moka. Buon appetito!


Gli Ingredienti

    12/14 gamberi
    12cl bisque di gamberi
    scorza di limonegrattugiata
    scorza di aranciagrattugiata
    1rametto rosmarino
    q.b. crostini di panebianco

Le Istruzioni

    Mettete nella caldaia di una moka per tre tazze la bisque e inserite il filtro dove metterete la scorza di limone e la scorza di arancia.
    Chiudete la moka e nel brick disponete i gamberi a corona con la testa rivolta verso l'alto e lo stelo di rosmarino fresco.
    Mettete la moka sul fuoco, una volta fuoriuscito il liquido come per un normale caffè servitela in tavola, accompagnata da crostini di pane bianco fritti o grigliati.