Cucina del mondo

Ricette gustose di Kika Frizzantina (Sandra Bubù)

Amo cucinare, fotografare le mie pietanze, commentare le mie esperienze in giro per il mondo.
Da un prodotto povero e genuino trasformo in una pietanza chic.

Troverete le mie ricette, ricette di chef famosi e colleghi e di amiche appassionate per la culinaria

Parlo di sensi in tudo e non solo di gusto...
La risposta é semplice: un piatto non si conosce solo attraverso i sapori ma attraverso il perfetto connubio tra aspetto, odore, gusto e… suono!

https://www.facebook.com/kikafrizzantina


cuoca, chef, masterchef, food, ristoranti, ricette, cucina, carlo cracco, joe bastianich, carne, grigliata, cook,


Panino con la matrice di vitella - Cibo Tabu

Forse non tutti oggi assaggerebbero il panino con il lampredotto in vendita per le strade di Firenze, se fosse spiegato loro, nel dettaglio, che si tratta di uno dei quattro stomaci del bovino. E magari in pochi si leccherebbero i baffi soddisfatti, dopo aver gustato un piatto di matrice, l’utero della mucca.
A volte penso basti avere il coraggio di trattare la frattaglia come fosse un ingrediente qualunque cercando di togliere quella patina di mistero che ne fa un cibo per pochi, il che può non essere un male, vista dalla parte di un buongustaio, ma rende difficile riuscire a far proseguire una tradizione culinaria se non ci sono i mangiatori.
Ne approfitto mettendo una delle ricette impossibili..non si trova nemmeno nell’Enciclopedia:-)))

Ingredienti per 6 persone: 750 g di matrice di vitello(utero), 100 g di cipolle rosse, 50 g di sedano, 50 g di carote, 2 spicchi d’aglio, sale fino,  pepe nero, un mazzetto di prezzemolo, 500 g di pomodori pelati, 2 dl di vino rosso, 1 l di brodo, 4 bacche di ginepro, 2 dl di olio extravergine di oliva

Tritare finemente la carota, il sedano, la cipolla, l’aglio e il prezzemolo e farli rosolare in una casseruola con l’olio di oliva, salando leggermente. Quando risulteranno ben coloriti, aggiungere la matrice tagliata a listerelle, farla insaporire per qualche minuto, quindi bagnare con vino rosso. Appena la parte alcolica sarà evaporata, aggiungere i pomodori pelati passati e far riprendere il bollore. Bagnare con brodo, unire le bacche di ginepro, insaporire con il pepe e proseguire la cottura per circa un ora e mezzo.
Sandra Regina

Nessun commento:

Posta un commento

Publica um comentario- Lascia un commento