Cucina del mondo

Ricette gustose di Kika Frizzantina (Sandra Bubù)

Amo cucinare, fotografare le mie pietanze, commentare le mie esperienze in giro per il mondo.
Da un prodotto povero e genuino trasformo in una pietanza chic.

Troverete le mie ricette, ricette di chef famosi e colleghi e di amiche appassionate per la culinaria

Parlo di sensi in tudo e non solo di gusto...
La risposta é semplice: un piatto non si conosce solo attraverso i sapori ma attraverso il perfetto connubio tra aspetto, odore, gusto e… suono!

https://www.facebook.com/kikafrizzantina


cuoca, chef, masterchef, food, ristoranti, ricette, cucina, carlo cracco, joe bastianich, carne, grigliata, cook,


giovedì 17 novembre 2011

ULIVO


ULIVO

Nome botanico latino. Olea europaea L.
Famiglia botanica. Oleacee.
Nomi internazionali. It.: Ulivo; Fr.: Oliver; Ingl.: Olive tree; Ted.: Olivebaum; Sp.: Olivo.

Distribuzione geografica. Tipico delle regioni mediterranee. Pianta ornamentale e da frutto, si coltiva in Italia ovunque. Introdotto nell’Asia minore. Nell’Italia settentrionale è coltivato presso i laghi.

Descrizione botanica. Albero sempreverde a foglie intere, coriacee opposte; fiori biancastri in racemi ascellari e drupa quasi nerastra a maturazione.
Tempo della fioritura. Maggio-giugno.
Parti usate. Foglie, drupa, corteccia e l’olio.


Tempo balsamico o della raccolta. Novembre, per le drupe; le foglie in primavera.
Corrispondenza astrologica. Luna, Giove, Acquario.
Composizione chimica. Le foglie contengono Oleuropeina, sostanze tanniche e resinose, un olio etereo. L’olio di oliva è composto di oleina, palmitina, tracce di stearina, fitosterina, clorofilla e vitamine A ed E.
Azione farmacodinamica. Le foglie e la corteccia sono febbrifughe. Azione vasodilatatrice, ipotensive, diuretiche, antitossiche, antiartritiche, antigottose, antireumatiche, astringenti, detergenti, vulnerarie. Il frutto o drupa: emolliente, lassativa, ricostituente. L’olio: proprietà balsamiche, calmanti, emollienti, epatiche, lassative.
Applicazioni terapeutiche. L’olio si usa come colagogo nella litiasi biliare (calcoli). Per iniezioni sottocutanee, l’olio di oliva sterile in ragione di 2-5-10 cc, arreca vantaggi negli stati di grave esaurimento nervoso, insufficiente nutrizione gastrica (stati di magrezza eccessiva). L’infuso di foglie provoca vasodilatazione anche delle coronarie e perciò abbassa la pressione del sangue. Efficace nell’ipertensione renale essenziale, da menopausa e da arteriosclerosi, senza provocare fenomeni secondari. Riduce anche l’azotemia. Esternamente l’olio per unzioni e frizioni cura le lesioni cutanee, quali le ustioni, escoriazioni, eczemi. Per clistere nella stipsi ostinata (mezzo litro d’olio); per iniezioni emollienti nella gonorrea ostinata.

Preparazioni e dosi.

Infuso di foglie secche tritate due manciate in un recipiente ove si versa un litro di acqua bollente e si copre. Colare dopo 20 minuti. Bere 3 sino a 4 tazzette negli stati febbrili.
Estratto totale per 4-6 volte al giorno decigrammi 2.
Decotto di 40 gr. di foglie in 1 litro d’acqua: da bere in 10 giorni contro la pressione alta del sangue, contro le febbri intermittenti, e in caso di piaghe che stentano a cicatrizzarsi, come lavacri.

Contro la pressione del sangue alta e come febbrifugo, si prepara la tintura macerando 20 gr. di foglie d’olivo o di corteccia di rami d’olivo ben sminuzzata per una diecina di giorni in 160 gr. d’alcool puro a 40°: somministrare alla dose di un cucchiaino al giorno in un po’ d’acqua o in una tazzina di thè.

Olio d’oliva autentico, ottenuto dalla spremitura dei frutti alla dose di 30 sino a 60 grammi, con un pizzico di sale, a cucchiai ogni giorno nelle coliche di fegato, dei reni e saturnina, per eliminare i calcoli della bile e renali e, come lassativo.

Un’ora prima dei pasti, un cucchiaio di olio di oliva giova nell’ulcera gastrica, un cucchiaio d’olio prima del pasto per stimolare e regolare le funzioni digestive e combattere la stitichezza e nel corso degli stessi pasti per vincere la sterilità (dato il contenuto in vitamina E) e per ingrassare. Nelle affezioni di stomaco, intestino e fegato l’olio di oliva è un rimedio sovrano. Nell’itterizia dei neonati è efficace un cucchiaino di olio e miele.

Il Chauffard ideò una emulsione contro le coliche epatiche fatta così: olio d’oliva gr. 150-300, cognac gr. 15-20, gialli d’uova due, mentolo mezzo grammo: da somministrarsi in due volte, al mattino a 15 minuti di intervallo.

Contro l’esaurimento nervoso si usano le iniezioni intramuscolari di olio di oliva sterile alla dose di 5-10 cc. L’olio sterile di olive è un fissatore del calcio, preso per bocca o iniezione un giorno prima della cura calcica.

Per uso esterno: contro le scottature il linimento oleo-calcare fatto di

  • Olio di oliva (estratto dalle drupe) parti 1
  • Acqua di calce parti 1

Oppure mescolare 90 grammi d’olio d’oliva in 100 gr. d’ammoniaca. Il clistere di gr 20-100 in altrettanto di acqua serve come evacuante, perché disgrega le parti indurite e giova nelle coliche da parti laboriosi.
La gomma che scola dal tronco e dai rami giova come materiale per collirio.
L’olio calma le infiammazioni ed i pruriti.

Tratto Grande Erbario Medicinale
di Tommaso Palamidessi

Le informazioni qui riportate hanno solo un fine illustrativo: non sono riferibili né a prescrizioni, né a consigli medici, né a terapie sanitarie.
Le ricette fornite su Erboristeria e Medicina sono di natura generale, a scopo puramente divulgativo e non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico abilitato.

Nessun commento:

Posta un commento

Publica um comentario- Lascia un commento