Cucina del mondo

Ricette gustose di Kika Frizzantina (Sandra Bubù)

Amo cucinare, fotografare le mie pietanze, commentare le mie esperienze in giro per il mondo.
Da un prodotto povero e genuino trasformo in una pietanza chic.

Troverete le mie ricette, ricette di chef famosi e colleghi e di amiche appassionate per la culinaria

Parlo di sensi in tudo e non solo di gusto...
La risposta é semplice: un piatto non si conosce solo attraverso i sapori ma attraverso il perfetto connubio tra aspetto, odore, gusto e… suono!

https://www.facebook.com/kikafrizzantina


cuoca, chef, masterchef, food, ristoranti, ricette, cucina, carlo cracco, joe bastianich, carne, grigliata, cook,


martedì 29 novembre 2016

Maccheroni di Natale

In una capace pentola, scaldate il brodo. Usatene un mestolino per mettere in ammollo i funghi. Al bollore, unite al liquido in cottura la carota e il sedano tagliati a sottili filetti, quindi i funghi ammorbiditi e una cucchiaiata di conserva. Disfate la salsiccia, sempre in un po’ di brodo e versatela nella pentola. Unite pure i maccheroni, portando il tutto a cottura. Servite la minestra calda, con abbondante parmigiano.

Gallina Lessa farcita

Mettete a bollire una casseruola di acqua con sedano, carote, cipolla, uno spicchio di aglio, timo, 10 grani di pepe, 2 chiodi di garofano, 2 foglie di alloro e mezzo bicchiere di vino. Strinate la gallina, lavatela e asciugatela.
Disossate la gallina: incidetela lungo la spina dorsale, poi staccate la polpa da un lato, seguendo la cassa toracica, arrivando fin quasi allo sterno. Ripetete l’operazione dall’altro lato.
Appiattite le cosce, schiacciando le anche, poi staccate la gabbia toracica e mettetela nel brodo. Staccate le ali e unite anch’esse al brodo. Disarticolate gli stinchi dalle cosce, poi disossatele: incidete lungo l’osso e aprite la polpa a libro, fino a liberare gli ossi: uniteli al brodo. Aprite a libro la polpa del petto,in modo che la superficie della gallina abbia uno spessore omogeneo.
Tagliate il petto di pollo in modo da otteneredue filettini dalla parte più spessa; salateli, pepateli e cospargeteli di cannella. Fateli insaporire per 10’.
Frullate il petto di pollo rimasto tagliato a pezzetti, poi unite la panna, un uovo, sale, pepe e frullate di nuovo. Ungete i filettini di pollo e scottateli in una padella calda per 1’, voltandoli su tutti i lati.
Metteteli da parte; unite un filo di olio nella padella e scottate la zucca con un pizzico di sale per 2’. Spegnete e aggiungete i pistacchi, poi versate la verdura nel pollo frullato, ottenendo la farcia.
Avvolgete i due filetti nelle fettine di lardo, mettendoli in modo che la parte sottile di uno sia a contatto con quella più spessa dell’altro.
Mettete una parte di farcia al centro della gallina, formando una striscia, perpendicolarmente alla spina dorsale: in questo modo ogni fetta avrà una parte di petto e una di coscia.
Disponete i filetti sopra la farcia, ricopriteli con la farcia rimasta poi arrotolate la gallina sopra il ripieno.
Chiudete il rotolo prima con carta da forno poi con un canovaccio. Legatelo ad arrosto e mettetelo a lessare nel brodo. Cuocetelo per 2 ore. Servite la gallina a fette, con insalata fresca e salsa verde.

Papardelle contadine

Quando la fame arriva e va bene anche in cantina...ottimo.

Tacos com avocado impanati

Potete usare la piadina romagnola..per il craut anche quello bianco

domenica 27 novembre 2016

Hamburger speciale

Carne trita: rigorosamente fai da te

L’hamburger che compri al supermercato da cucinare hanno una carne asciutta, non condita, meglio fare da soli partendo dalla carne trita scelta, facendo macinare al macellaio la carne con una sola passata, e se si ha è a casa, con un giro di mixer. Per risparmiare si può scegliere un ottimo un taglio anteriore, l’importante è che sia ben snervato, se è leggermente grasso è meglio. Se la carne è molto magra, come il filetto, l’aggiunta di una noce di pane ammollato nel latte o un po’ patata morbida rendono l’hamburger più morbido.

Il tocco in più: condire la carne

A coltello di può tritare del prezzemolo, un po’ di cipolla o scalogno, pepe nero, un po’ di sale. Nel pesce, ottimo l’aneto o il finocchietto, con la carne di agnello la menta, per il pollo o il tacchino, il timo o la maggiorana. In tutti i casi, meglio salare a fine cottura con fiocchi di sale sulla superficie.

Diverse cotture per diversi burger

Il manzo va mantenuto rosato all’interno, mentre il maiale, il pollo o il tacchino vanno cotti fino al cuore per un motivo di sicurezza alimentare.
Per il manzo, una griglia di ghisa sul fornello e fiamma alta, per fare in modo che non si attacchi, poi si deve abbassare in modo da cuocere fino all’interno – il manzo deve essere rosato ma mai crudo mentregli hamburger troppo cotti diventano duri. Se sono piuttosto alti, si possono anche cuocere alcuni minuti per lato ad alta temperatura, poi portarli fuori dal fuoco e coprirli con la stagnola per altri cinque minuti, i succhi di distribuiranno uniformemente nella polpetta e si cuocerà uniformemente.
Le polpette vanno girate una volta sola, e solo quando si è perfettamente rosolato, o si rischia di rompere.
Meglio una piastra liscia per gli hamburger di pesce e vegetali della griglia, quindi una padella antiaderente è perfetta, se si usa il fornello, perché non richiede condimento aggiuntivo.

Come tenere insieme pesce o legumi?

L’albume è il modo migliore per legare in cottura un impasto che rischia di sfaldarsi, e ne basta davvero poco, circa 1 albume per 4 burger. Oppure un po’ di pane ammollato o di patata lessa, un cucchiaino a burger è sufficiente. Compattare il tutto è però fondamentale, esistono delle macchinette che schiacciano e mettono in forma i burger e sono utilissime. Oppure a mano, schiacciando bene.

Osare con i formaggi

Fette di Cheddar, per seguire la tradizione americana, ma anche gouda, emmenthal, fontina. Ottimo anche il Parmigiano, o un formaggio erborinato, uno di capra leggermente piccante. Si appoggia sopra la carne in cottura per farlo sciogliere leggermente.

giovedì 17 novembre 2016

Guacamole messicana





    1 AVOCADO

    1 CIPOLLOTTO

    1 PEPERONCINO FRESCO

    2 LIMONE

    1 CUCCHIAINO LIMONE SCORZA

q.b. SALE


        Preparazione della guacamole

        1) Tagliare l'avocado. Scegli un grosso avocado maturo, lavalo, asciugalo, incidilo a metà nel senso della lunghezza girando tutt'attorno al nocciolo con il coltello e staccate le due parti. Inserisci il coltello al centro del nocciolo e asportalo. Elimina la buccia e taglia la polpa a pezzi. Fai tutte queste operazioni solo all'ultimo momento per evitare che la polpa si scurisca.
        2 guacamole-messicana ricetta   

        2) Insaporire con il limone. Raccogli i pezzi di polpa in una larga ciotola. Aggiungi un cucchiaino di scorza di limone non trattato (solo la parte gialla) tagliata a listarelle,  versavi sopra il succo di un paio di limoni e mescola.
        3 guacamole-messicana foto   

        3) Preparare la salsa. Trasferisci il tutto nel bicchiere del frullatore e aggiungi un peperoncino fresco e un cipollotto a fettine. Aggiungi un pizzico di sale. Frulla per pochi secondi a intermittenza per controllare la consistenza della salsa che dovrà risultare morbida e cremosa.
        4 guacamole-messicana preparazione   

        4) Servire la guacamole. Per una presentazione d'effetto puoi distribuire sulla superficie lamelle di mandorle e qualche pezzetto di peperoncino; accompagnala con tortillas, gallette di mais o sottili fettine di pane abbrustolito.


Consigli
Il guacamole

    Sui nostri mercati l'avocado si trova tutto l'anno, anche grazie ai numerosi ibridi coltivati; il più diffuso è il fuerte, dal frutto verde, piriforme, del peso di circa 300 g; per la sua consistenza particolarmente cremosa e il suo sapore delicato è il più adatto per questa ricetta.


    Se vuoi una salsa più leggera frulla insieme all'avocado la polpa di un pomodoro fresco, per un gusto più piccante insaporisci con qualche goccia di tabasco o un pizzico di paprica. Appena pronta trasferisci subito la salsa in una ciotola, coprila con pellicola e tienila in frigorifero per almeno mezz'ora.

guacamole messicana




        2) Insaporire con il limone. Raccogli i pezzi di polpa in una larga ciotola. Aggiungi un cucchiaino di scorza di limone non trattato (solo la parte gialla) tagliata a listarelle,  versavi sopra il succo di un paio di limoni e mescola.
        3 guacamole-messicana foto   

        3) Preparare la salsa. Trasferisci il tutto nel bicchiere del frullatore e aggiungi un peperoncino fresco e un cipollotto a fettine. Aggiungi un pizzico di sale. Frulla per pochi secondi a intermittenza per controllare la consistenza della salsa che dovrà risultare morbida e cremosa.
        4 guacamole-messicana preparazione   

        4) Servire la guacamole. Per una presentazione d'effetto puoi distribuire sulla superficie lamelle di mandorle e qualche pezzetto di peperoncino; accompagnala con tortillas, gallette di mais o sottili fettine di pane abbrustolito.


4) Servire la guacamole. Per una presentazione d'effetto puoi distribuire sulla superficie lamelle di mandorle e qualche pezzetto di peperoncino; accompagnala con tortillas, gallette di mais o sottili fettine di pane abbrustolito.
    Sui nostri mercati l'avocado si trova tutto l'anno, anche grazie ai numerosi ibridi coltivati; il più diffuso è il fuerte, dal frutto verde, piriforme, del peso di circa 300 g; per la sua consistenza particolarmente cremosa e il suo sapore delicato è il più adatto per questa ricetta.


    Se vuoi una salsa più leggera frulla insieme all'avocado la polpa di un pomodoro fresco, per un gusto più piccante insaporisci con qualche goccia di tabasco o un pizzico di paprica. Appena pronta trasferisci subito la salsa in una ciotola, coprila con pellicola e tienila in frigorifero per almeno mezz'ora.

guacamole messicana

domenica 6 novembre 2016

Farinata ligure

 300 g di farina di ceci
    1 litro d’acqua
    1 bicchiere d’olio
    sale
    pepe

Stemperare in acqua tiepida la farina mescolando con una frusta o un cucchiaio di legno. Salare leggermente. Continuare a mescolare onde evitare grumi.
Lasciare riposare per 4-5 ore.
Quindi raccogliere con un cucchiaio l’eventuale schiuma che si può formare in superficie e, se necessario, passare al colino per eliminare i grumi che si possono essere formati.

Versare la pastella in una teglia di rame stagnato larga circa 50 cm, quelle professionali possono raggiungere i 150 cm, ed alta non più di tre cm, in cui si è versato il bicchiere d’olio; mescolare ancora per unire gli ingredienti ed infornare per 10 – 15 minuti ad alta temperatura, 200-220°. È importante che il livello del composto sia uniforme nella teglia onde evitare ispessimenti che comprometterebbero il risultato.

Il calore del forno a legna sarà sufficiente a rendere velocemente croccante e dorata la farinata che, ricordiamo, si può cuocere anche nel forno a gas o meglio elettrico ad alta temperatura.La farinata si mangia tiepida, insaporita con pepe nero macinato.
Esistono diverse varianti, soprattutto nel ponente ligure, aggiungendo all’impasto base: salsiccia, pesto, rosmarino, carciofi, funghi, gorgonzola, cipollotti. Questi ingredienti vanno aggiunti dopo aver mescolato l’olio, subito prima di infornare.

Liquore di Nutella

Liquore di Nutella
ingredienti 700 g di nutella 500 g di latte 500 g di panna da cucina 120 g di zucchero 150 g di alcool 50 g di acqua Preparazione Versare il latte, la panna,la nutella e lo zucchero in una pentola. Fare sciogliere a fuoco lento, mescolando continuamente per fare in modo che non si attacchi.…